Quando il design è donna | Patricia Urquiola

Di origine spagnola, ma di formazione italiana, l’ architetto e designer Patricia Urquiola, inizia a Milano come assistente di Achille Castiglione.

Lavora per De Padova  dirigendo l’ufficio sviluppo prodotti, collabora con Vico Magistretti e nel 98’ realizza per Moroso una serie di sedute, dove artigianato e design industriale si fondono. Klara ne è un esempio.

 

Realizzata con la cosiddetta  Paglia di Vienna, tecnica di intreccio artigianale praticata in Friuli molti anni fa.

Nel 2001 apre il proprio studio a Milano, dove si occupa di architettura e design. Collabora con numerose aziende: B&B Italia, Mutina, Alessi, Molteni, MDF, Foscarini, per Rosenthal realizza le porcellane Landscape.

Tra le opere architettoniche è da annoverare il Mandarin Oriental Hotel a Barcellona.  Si tratta del restauro di un edificio novecentesco presso la Passeig de Gràcia, caratterizzato dalla semplicità lineare, dai colori crema e bianco, dai mobili di design di B & B Italia, DePadova, Flos e Moroso e altri arredi progettati direttamente dalla Urquiola come ad esempio il tavolo da stiro che funge da banco per il ristorante.

L’ edificio, in origine destinato ad una Banca, è dominato al suo interno da una rampa sospesa che collega l’ ingresso con la corte interna. Le pareti con texure particolari, le decorazioni del soffitto, i mobili e i tappeti tessuti a mano, ricordano il fascino degli hotel di un tempo.

Sorprendenti sono le griglie trasparenti, soprattutto  quella sospesa sopra i tavoli del ristorante, che svela un “giardino pensile”, ma anche curioso è il riuso delle cassette di sicurezza in acciaio dalla banca, colorate ed adattate alla nuova funzione.

Il W Resort & Spa a Vieques  a Porto Rico, i negozi di Gianvito Rossi, gli showroom di Flos e Moroso a Londra e l’allestimento generale del Padiglione Spadolini a Pitti Uomo 2010 a Firenze, sono gli atri progetti di  Patricia Urquiola, che si distinguono per quel tocco in più, femminile !

Visite: 6631

Altri articoli da leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *