Il riuso degli oggetti, una buona filosofia di vita

“Mea culpa, mea culpa”, sono le parole che pronuncio prima di prendere sonno, la sera. “Cosa faccio per un mondo più pulito e vivibile?”. Sogno di essere sommersa da una montagna di bottiglie di plastica, di lattine di bevande e bidoni di detersivo. Un incubo che potrebbe interessare chiunque di voi. La domanda che dobbiamo farci è : “Cosa facciamo per un mondo più pulito e vivibile?”.

 

C’è chi da buon cittadino si dedica alla raccolta differenziata, al risparmio energetico e a comprare cibi a km zero. Altri si lasciano prendere dall’estro creativo e iniziano a riciclare vecchi ricordi e oggetti di uso quotidiano.

Le bottiglie di plastica possono diventare portapenne, un vaso per fiori, portacandele, salvadanaio e una clessidra. Sono tante le creazioni firmate da Design Ryter.

 

Satori lab è un’iniziativa argentina composta da giovani designer e fondata dal designer Alejandro Sarmiento e la giornalista Lujan Cambariere. Hanno pensato a come riutilizzare vecchie scarpe da ginnastica e vecchie riviste. Ne è uscito fuori un tappeto morbido e gommoso e un tavolo eco-sostenibile.

 

 

In occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile sono stati realizzati degli enormi pesci utilizzando bottiglie di plastica. La scultura sostenibile è stata realizzata sulla spiaggia di Botafogo a Rio de Janeiro, in Brasile.

 

 

Altri articoli:

Il Design del riuso. I progetti dei fratelli Campana

 

Un matrimonio da riciclo

Visite: 3941

Altri articoli da leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *