Apertura della Cappella Rucellai a Firenze

In questi giorni, è stata riaperta al pubblico la Cappella Rucellai o cappella del Santo Sepolcro realizzata nel Trecento ad opera di artisti vari, tra cui il più famoso è l’intervento di Leon Battista Alberti. La cappella è stata edificata intorno al 1300 per la famiglia Rucellai, influente famiglia fiorentina e fu Giovanni di Paolo Rucellai a commissionare l’opera all’Alberti.

 

Il restauro della cappella fiorentina è stato effettuato con il sostegno della Fondazione Marini e farà parte del museo Marino Marini (ubicato nella Chiesa di San Pancrazio), i cui ambienti con quelli del Santo Sepolcro saranno collegati attraverso un passaggio sul lato sinistro della navata centrale della Cappella.

 

Il Sacello dei Rucellai è decorato con disegni ornamentali di 30 tarsie marmoree, che si ispirano a forme naturalistiche (foglie d’alloro, di quercia) ed a forme geometriche (stella ottagonale, la stella a sei punte).
Una novità portata dal Museo Marino Marini con il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, è la creazione di una nuova App in italiano e inglese destinata a chi ha un Android. Questo servizio permetterà una maggiore coinvolgimento dei visitatori.

Visite: 2392

Altri articoli da leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *